Aperto il bando 2018 del PEFC Internazionale “Collaboration Fund”

DI Francesca Dini

Collaboration 2018Lo scorso 21 il PEFC Internazionale ha aperto il bando del “Collaboration fund”, il fondo di collaborazione che ogni anno viene pubblicato con l’obiettivo di sostenere i membri e le organizzazioni partner del PEFC nelle loro attività per migliorare la gestione delle foreste e ampliare la certificazione forestale in tutto il mondo.
L’obiettivo della call di quest’anno è l’individuazione di soluzioni tecnologiche innovative che consentano un approccio più semplice alla certificazione da parte di tutti, grandi aziende ma anche piccoli proprietari forestali.
Ma nel dettaglio, quali sono gli obiettivi che i progetti devono raggiungere? Il maggiore interesse ricade nel coinvolgimento della società nella selvicoltura sostenibile; nella creazione e rafforzamento della fiducia e della tracciabilità lungo le catene del valore; l’aumento dell’accessibilità alla certificazione della gestione forestale sostenibile efficiente ed accessibile; l’identificazione di nuove modalità di raccolta dati e misuratori d’impatto.
Una delle novità di quest’anno si trova anche sul soggetto proponente, ovvero il Lead partner, che viene identificato nei membri del PEFC, sia nazionali che stakeholder internazionali. I partner del progetto, esterni al PEFC, possono appartenere sia al settore pubblico che privato
Le proposte posso richiedere un contributo massimo di 41.600 euro con un cofinanziamento pari al 35% ed una lunghezza massima di 3 anni.
Il bando del progetto è consultabile al seguente link (https://pefc.org/images/Projects/collaboration_fund/2018_Call_for_Proposals_-_PEFC_Collaboration_Fund.pdf
Il bando è aperto fino al 11 maggio, ma se avete un’idea che possa rientrare negli obiettivi del progetto e siete interessati a partecipare al bando, inviate la vostra idea al PEFC Italia entro il 24 aprile alla mail progetti@pefc.it. Sceglieremo la migliore per poterla presentare ed essere tra le cinque selezionate a livello internazionale.

Join the discussion

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *