Convegno delle Comunalie Parmensi: 60 anni di esperienza nella gestione delle proprietà collettive

di Francesco Dellagiacoma

Convegno delle Comunalie ParmensiSi è svolto il 16 settembre scorso a Borgotaro (Parma) il convegno che voleva festeggiare i 60 anni di attività del Consorzio delle Comunalie Parmensi, fondato nel 1957, che proprio per l’occasione ha ottenuto la certificazione PEFC per la gestione sostenibile del suo patrimonio forestale.

L’evento, dedicato alla memoria di Pier Luigi Ferrari, Presidente per lungo tempo del Consorzio e poi del PEFC Italia, scomparso prematuramente nel giugno 2016, è stato valorizzato dalla presentazione della legge sulla gestione delle proprietà collettive, approvata al Senato (all’unanimità) e ora in discussione alla Camera.
La legge, di cui Pierluigi Ferrari era stato un convinto promotore, ha avuto la supervisione di Paolo Grossi, Presidente della Corte Costituzionale, che ha concluso il convegno ricordando il ruolo che il Consorzio ha avuto per la valorizzazione delle proprietà collettive.
Durante l’incontro, il dott. Carlantonio Zanzucchi ha ripercorso la storia delle Comunalie e l’attuale Direttore Michele Dellapina ha ricordato l’impegno nell’ambito delle energie rinnovabili, fra cui la piattaforma biomasse che fornisce energia anche all’ospedale di Borgotaro. Il Prof. Pietro Nervi ha inquadrato la gestione delle proprietà collettive silvo-pastorali come forma di proprietà diversa da quella pubblica statale e da quella privata. Il sen. Giorgio Pagliari e l’on Giuseppe Romanini hanno presentato il disegno di legge sulla gestione delle proprietà collettive e l’on. Paola Demicheli, Sottosegretario alle finanze e commissario alla ricostruzione per il terremoto 2016, ha ricordato Pier Luigi Ferrari, mentre per Federforeste è intervenuto Andrea Montresor.
Il Vice Presidente del PEFC Italia Francesco Dellagiacoma, intervenuto a nome del PEFC Italia, ha sottolineato gli elementi similari tra certificazione forestale e gestione collettiva delle proprietà forestali: sostenibilità e mantenimento/miglioramento del bene nel tempo, gestione attiva e multifunzionale, partecipazione e creazione di alleanze con gli interessati.

Join the discussion

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *