I boschi certificati PEFC di Veneto e Trentino ospitano i Campionati Mondiali WOC-WTOC

Per la prima volta in Italia i Campionati del Mondo di Orienteering e Trail Orienteering. Le gare verranno organizzate in boschi gestiti in modo sostenibile: un modo per diffondere la cultura della responsabilità ambientale e i vantaggi di un uso virtuoso del nostro patrimonio boschivo

Levico Terme (Trento) 10 giugno 2014 – Per la prima volta nella storia, dal 5 al 12 luglio prossimi, i Campionati Mondiali di sport d’orientamento (WOC-WTOC l’acronimo inglese) sbarcheranno in Italia: scenario dell’evento, i boschi dell’Altopiano dei Sette Comuni in Veneto, degli Altipiani di Folgaria, Lavarone, Luserna e della Valsugana in Trentino, oltre ai centri storici di Venezia e Trento. Si tratta un’occasione imperdibile per far conoscere anche nel nostro paese questo tipo di sport diffuso nel Nord Europa da oltre un secolo. Ma la rassegna mondiale sarà anche un modo per diffondere i valori di sostenibilità, responsabilità ambientale e corretta gestione del patrimonio boschivo.

Tutti i boschi che ospiteranno l’evento sono certificati secondo il sistema PEFC, lo standard di certificazione della gestione sostenibile del patrimonio boschivo più diffuso al mondo. L’orienteering è una disciplina che fa di alberi e sentieri il proprio campo di gara ed è quindi naturalmente sensibile al tema dell’utilizzo virtuoso degli ecosistemi forestali: gli atleti, infatti, devono portare a termine un percorso predefinito, caratterizzato da punti di controllo con l’unico aiuto di una bussola e di una cartina topografica a scala ridotta.

L’edizione “green” dei Campionati mondiali Sport d’Orientamento è stata resa possibile da un protocollo di intesa firmato il 30 agosto 2013 a Paluzza (Ud) presso il Centro Federale FISO tra il PEFC Italia e la FISO (Federazione Italiana Sport Orientamento): in base all’accordo la FISO attuerà una politica di “acquisti verdi” di prodotti sostenibili e certificati (carta e altri prodotti derivanti dal legno) e userà solo legno certificato per la realizzazione delle infrastrutture utili per le gare di orienteering.

Le due associazioni collaboreranno anche per promuovere l’orienteering come pratica sportiva che favorisce la conoscenza e la difesa degli ambienti naturali. Inoltre, nelle iniziative formative di orienteering verrà dedicato spazio a scoprire i vantaggi e i criteri della gestione sostenibile delle foreste. Infine l’accordo prevede l’utilizzo di prodotti, alimentari e non, di provenienza locale per intensificare il rapporto con il territorio durante le gare dei Campionati del Mondo di Orienteering e Trail Orienteering in programma a luglio in Veneto e Trentino.

Le foto, su gentile concessione di Newspower, sono scaricabili al seguente link: http://www.newspower.it/comunicati/Woc_2014/immagini/WOC2014_index.htm

Autore dell'articolo: Redazione

Per contattare la redazione Eco delle Foreste press@pefc.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *