Il comune di Rocca di Papa ottiene la certificazione GFS del proprio patrimonio boschivo

Di Luca Rossi   

Il Comune di Rocca di Papa, nel territorio del Parco dei Castelli Romani (RM), ha ottenuto a fine novembre la certificazione per la gestione forestale sostenibile dei boschi comunali per la vendita di lotti in piedi.

Rilasciato dall’organismo di terza parte CSI, il certificato attesta la gestione sostenibile secondo lo standard PEFC di 1.341,4325 ettari a prevalenza di castagno.

Il percorso che ha portato alla certificazione è iniziato nella primavera scorsa dall’incontrodall’intesa dell’Amministrazione Comunale e della Carte d’Or, brand della famiglia Algida. Un partner prestigioso che ha espresso la sua determinazione nell’impegno preso, in linea con gli obiettivi globali di Unilever, rispetto alle tematiche di responsabilità ambientale collettiva, “non solo intervenendo sulle confezioni in cartoncino alimentare di Carte d’Or – già certificate PEFC per la Catena di Custodia dal maggio 2019 (ndr.) – ma partendo proprio dalla tutela delle materie prime da cui derivano le stesse, come nel caso delle foreste”, sottolinea Giorgio Nicolai, Marketing Director Ice Cream di Unilever Italia.

Entusiasmo per il percorso di certificazione forestale svolto viene anche dall’Amministrazione Comunale stessa, con la voce del Sindaco Veronica Cimino che vede nella certificazione “un riconoscimento importante per tutta la città, sia dal punto di vista simbolico sia per il tessuto produttivo della nostra comunità.”

“Ritengo doveroso sottolineare che la spesa sostenuta dall’Ente per conseguire la certificazione è stata pari a zero” – precisa l’Assessore al Patrimonio Boschivo Francesco De Santis –. “Infatti, grazie al nuovo Regolamento sulle Sponsorizzazioni approvato in Consiglio Comunale il 28/04/2021, il marchio Carte D’Or ha deciso di sostenere finanziariamente il processo per la certificazione della GFS avviato dal Comune di Rocca di Papa, comportando così solo benefici per la collettività, ovviamente economici ma non solo, oltre che la valorizzazione del prodotto legnoso.”

Ancora, in questa prima fase del progetto è stata ottenuta la certificazione per la gestione forestale sostenibile, ma tra i prossimi obiettivi è prevista la certificazione del servizio ecosistemico di conservazione e mantenimento dei servizi turistico-ricreativi del bosco; la volontà di entrambi i partner è quella di implementare anche la certificazione della biodiversità e di tutte le altre funzioni indispensabili delle foreste.

Nella regione Lazio si arriva così a cinque realtà certificate per la Gestione Forestale Sostenibile PEFC, comprendendo quindi il Comune di Lariano, il Comune di Rocca di Papa, il “Gruppo Monti Cimini ed Altri Comprensori Forestali del Lazio”, l’azienda boschiva di Leoni Fausto e il Segretariato Generale della Presidenza della Repubblica – Servizio Tenuta Presidenziale di Castelporziano, per un totale di 10.500,5756 ettari certificati.

Un trend di consapevolezza e progettualità nelle scelte politiche e strategiche, quello espresso dalle regioni del Centro-Sud rispetto ai temi della sostenibilità forestale e ambientale in genere, che lascia bene sperare, e che si auspica faccia da volano per tutto lo Stivale.

Autore dell'articolo: Redazione

Per contattare la redazione Eco delle Foreste press@pefc.it