Lo Stato delle foreste nel mondo: pubblicato il report 2018 della FAO

Di Eleonora Mariano

FaoÈ stato pubblicato lo scorso 6 luglio il rapporto “Stato delle foreste nel mondo 2018” della FAO. Il tema centrale di questa edizione del report è il legame esistente tra gestione forestale sostenibile e raggiungimento degli Obiettivi di sviluppo sostenibile (SDGs), individuati quasi tre anni fa nell’ambito della definizione dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile.
Nel rapporto vengono riportati numeri e fatti che testimoniano come le foreste siano in grado di contribuire al raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile relativi a: mezzi di sussistenza e sicurezza alimentare; accesso a energia a prezzi accessibili; consumo e produzione sostenibili; mitigazione dei cambiamenti climatici; gestione forestale sostenibile.
Tra i principali dati che emergono, si evidenzia il fatto che le foreste da sole siano in grado di garantire circa il 20 % dei redditi alle famiglie che abitano nelle zone rurali dei paesi in via di sviluppo. Un altro punto chiave evidenziato nel rapporto è che dagli alberi arriva il 40% dell’energia rinnovabile del mondo intero: un valore pari a quelli di solare, eolico e idroelettrico sommati tra loro. Nel rapporto si parla, oltre agli aspetti legati all’Obiettivo 15 (“Proteggere, ripristinare e favorire un uso sostenibile dell’ecosistema terrestre”) anche di produzione di legno e certificazione forestale, individuata come strumento in grado di rispondere specificatamente all’Obiettivo 12 (“consumo e produzione sostenibile”).
Infatti, dal report si evince che settore della lavorazione del legno ha compiuto importanti progressi nell’aumentare l’efficienza di utilizzo del legno. Sebbene la produzione di pannelli di legno e segatura sia cresciuta dell’8,2% ogni anno tra il 2000 e il 2015, ciò ha richiesto solo una crescita dell’1,9% in termini di input da tondame industriale. Nel frattempo, il consumo pro capite di pannelli è cresciuto dell’80%, mentre il consumo di segatura è rimasto statico. Sono stati inoltre ridotti i rifiuti nel settore cartario, con un raddoppio del tasso di recupero della carta dal 24,6% nel 1970 al 56,1% nel 2015. Ultimo (ma non ultimo in termini di importanza) il dato sulla quota di prodotti in legno certificati PEFC e FSC che è arrivata a rappresentare circa il 38% della produzione mondiale di tondame industriale nel 2016.
Il report completo in lingua inglese è consultabile da qui: http://www.fao.org/3/i9535en/I9535EN.pdf
la sintesi del report è consultabile da qui: http://www.fao.org/3/CA0188EN/CA0188EN.pdf

Join the discussion

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *