Ottenuta lo scorso marzo la prima certificazione GFS PEFC in Calabria

Di Luca Rossi

Sono boschi di montagna ma crescono e prosperano a due passi dal mare quelli che hanno ottenuto a marzo 2021 la certificazione di Gestione Forestale Sostenibile PEFC in Calabria. Si tratta dell’azienda forestale di Capparelli Francesco a San Donato di Ninea e San Sosti, in provincia di Cosenza.

Quella ottenuta sui Monti di Orsomarso, in un’area che va da 180 fino a quasi 2000 m s.l.m., è la prima certificazione GFS in Calabria, e concorre ad accrescere il numero delle aziende boschive e degli ettari certificati al Sud-Italia, aggiungendosi a quelli già presenti in Basilicata nel Comune di Calvello (PZ) e nell’Ente Parco di Gallipoli Cognato (PZ e MT).

Certificati dall’organismo di certificazione CSI, i 38,7 ettari di Capparelli sono gestiti in parte a ceduo e in parte a fustaia e la produzione prevalente è di legna da ardere e di cippato. Le specie arboree maggiormente rappresentative sono il cerro, la roverella, il leccio, l’ontano napoletano, l’orniello, l’acero napoletano e il carpino nero. 

Un segnale, quello lanciato da questa certificazione, di impegno verso politiche di sostenibilità ambientale nelle aree forestali del Sud-Italia che si auspica vengano sposate sia da enti privati che da enti pubblici, in concerto con l’esperienza e il contributo di PEFC alle comunità appenniniche che sono spina dorsale di resilienza lungo tutto lo Stivale.

Autore dell'articolo: Redazione

Per contattare la redazione Eco delle Foreste press@pefc.it