SPECIALE PEFC a EXPO – LEGNOLANDIA per il padiglione COLOMBIA e SAVE THE CHILDREN

di Martina Valentini
Tra polemiche, concerti e cerimonie spettacolari è iniziata EXPO Milano 2015: l’Italia per sei mesi sarà al centro del mondo. Venerdì 1 Maggio alle 10 si sono aperte le porte dell’estesa area espositiva allestita a Rho Fiera. Tutti hanno potuto vedere l’Albero della Vita, simbolo della manifestazione, e attraversare le futuristiche strutture scelte dai Paesi partecipanti per i propri padiglioni.
Molte aziende italiane delle catena di custodia PEFC Italia sono state coinvolte nella progettazione e realizzazione delle opere dell’Expo, ed Eco delle Foreste in questi mesi darà loro spazio raccontando le loro storie.
Iniziamo da LEGNOLANDIA, azienda friulana della catena di custodia PEFC, con una lunga tradizione nella produzione di case in legno e attiva anche nella realizzazione di arredi per parchi gioco.
Il padiglione della Colombia è made in Carnia. Legnolandia ha utilizzato per realizzarlo abete bianco dei boschi friulani certificati PEFC.
Il padiglione Colombia è un esempio del connubio efficienza-ecosostenibilità. Si tratta di un’opera low tech e sostenibile ottenuta impiegando esclusivamente la tecnica “a secco”, ovvero senza l’utilizzo di acqua e di calcestruzzo, ma solo di abete bianco certificato PEFC proveniente dai boschi della Carnia e altri materiali riciclabili al cento per cento.
Omaggio a Cristoforo Colombo, la struttura rappresenta la sintesi tra architettura e rispetto per l’ambiente in termini di cibo, sostenibilità e acqua. Una visione progettuale dello studio Càrdenas di Milano realizzato in tempi record da Legnolandia.
Il padiglione Colombia si estende su un’area espositiva di 1.907 metri quadrati in cui sono rappresentati i cinque piani termici dello stato sudamericano, la struttura è infatti composta da diversi livelli e moduli di edificio ognuno dei quali rappresenta una zona climatica differente.

Autore dell'articolo: Redazione

Per contattare la redazione Eco delle Foreste press@pefc.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *