Terremoto del Cento Italia: un anno dopo la risposta è nel legno certificato

amate amatrice 2016 inaugurazione area food 0381 2

È ormai passato un anno dalla scossa del 30 ottobre 2016, la più forte in Italia dal 1980. In questo periodo abbiamo più volte assistito ad esperienze e testimonianze di come gli edifici in legno possano essere un alleato chiave per una risposta pronta, intelligente e rispettosa dell’ambiente e delle persone.  Si tratta di costruzioni realizzabili in tempi rapidi, sicure, sostenibili e accoglienti. Edifici privati, ma anche edifici pubblici: luoghi della collettività dai quali ripartire non solo per ricostruire ciò che è andato materialmente distrutto, ma anche per cercare di ricomporre i pezzi di comunità così duramente colpite.  Molti, come accennato, i punti di forza dell’uso del legno in edilizia. In primo luogo, in virtù delle procedure di edificazione standardizzate, si tratta di costruzioni realizzabili in tempi rapidi, ma soprattutto certi: dalle 4 alle 8 settimane, a seconda delle dimensioni.
Gli edifici in legno, inoltre, sono più leggeri rispetto a strutture in cemento armato o acciaio e, quindi, hanno una resilienza verso le scosse che li rende più adatti alle zone sismiche. Non solo: tali costruzioni sono competitive anche dal punto di vista economico e ambientale, soprattutto se realizzate con materiale proveniente da foreste gestite in modo sostenibile e con una filiera trasparente e legale. Costruzioni che, proprio per rimarcare la coerenza rispetto all’insieme di buone pratiche e ai messaggi positivi che le connotano, sono spesso realizzate con legno proveniente da foreste gestite in maniera sostenibile e, quindi, con una certificazione forestale PEFC.
Per dare visibilità a questi progetti, affinché diventino buoni esempi da replicare, nel corso degli ultimi mesi ne abbiamo parlato più volte. Di seguito è riportata una sintesi delle principali attività segnalate (invitando le tante aziende certificate PEFC che hanno avuto un ruolo nella ricostruzione a segnalarci le loro attività e opere).

Le scuole in legno PEFC di Gualdo (MC) e di Norcia (PG)
Abbiamo segnalato due esempi di scuole che sono state costruite puntando sul legno certificato: la scuola di Gualdo (in provincia di Macerata) e la scuola di Norcia (in provincia di Perugia).
La prima, realizzata in appena 4 settimane e con una spesa di 132mila euro, è un’opera della ditta Ille Prefabbricati di Pieve di Bono (TN) ed è stata inaugurata domenica 20 novembre 2016. Le pareti della nuova scuola sono costituite da pannelli strutturali prefabbricati in legno di abete rosso, coibentati con lana minerale. La facciata è completata da un rivestimento in abete a sezione rettangolare. La struttura della copertura è invece composta da capriate reticolari non a vista, realizzate in legno massiccio di abete rosso. Tutto materiale certificato e proveniente dalle foreste alpine certificate PEFC.
Il secondo edificio è stato inaugurato a Norcia lo scorso 22 dicembre. Si tratta di una scuola e nido d’infanzia realizzato su iniziativa dell’azienda altoatesina con catena di custodia PEFC Rubner Haus spa e Mission Bambini. In questo caso sono state necessarie circa tre settimane per la consegna della struttura (in legno lamellare, abete italo-austriaco certificato PEFC).

Amate Amatrice
“Amate Amatrice” (Polo della cultura alimentare detto ‘Area Food’) è un progetto disegnato dall’architetto Stefano Boeri con l’obiettivo di creare uno spazio polifunzionale tutto in legno lamellare PEFC che si configuri come mensa per le scuole, ma anche come spazio per far ripartire i ristoranti distrutti, centro per accogliere eventi di solidarietà, “cooking show” e cinema.
L’edificio è stato inaugurato il 23 dicembre 2016, grazie ai fondi pro terremotati raccolti da Corriere della Sera e TgLa7 attraverso “Un aiuto subito” e grazie al contributo operativo di Regione Friuli Venezia Giulia, Innova Fvg, Filiera del Legno Fvg e Artemide. Tutte le aziende che hanno lavorato l’abete rosso e l’abete bianco dei boschi certificati PEFC hanno la catena di custodia PEFC.

Centro Polifunzionale di Norcia (Pg)
Il 30 giugno 2017 è stato inaugurato il primo padiglione del Centro Polivalente per la valorizzazione economico culturale del territorio nursino, realizzato da Stefano Boeri Architetti con i fondi raccolti da Un Aiuto Subito – Corriere della Sera e TG La7 e costruita dalle aziende friulane Legnolandia, Domus Gaia, Segheria De Infanti, Vidoni, utilizzando il legno certificato PEFC della Filiera Legno FVG. Il padiglione è composto da due spazi polifunzionali e una zona di servizi centrali. Avrà funzioni di sicurezza, luogo sicuro di protezione civile ma anche a coprire le esigenze della quotidianità, visto che la struttura rientra in un sistema di padiglioni che nasce intorno ad una piazza, realizzabile in 6 mesi.
L’inaugurazione del primo Padiglione del Centro Polivalente è un nuovo importante tassello nel percorso di ricostruzione di uno dei territori maggiormente colpiti dal sisma che ha ferito il centro Italia.

A Campi di Norcia la ricostruzione riparte anche con PEFC e Leroy Merlin 
Il PEFC Italia, insieme a Leroy Merlin Italia, è insieme a Campi di Norcia per la ripartenza della piccola frazione a 9 km da Norcia, abitata da 120 persone.
Come aiuto immediato, infatti, è stata consegnata nelle mani di Roberto Sbriccoli, presidente della Pro Loco Campi, una donazione di 1.250 euro, originati da risparmi effettuati sulla serie di progetti congiunti che da anni PEFC Italia e Leroy Merlin Italia portano avanti per la promozione delle filiere di prossimità, dei servizi ecosistemici, della legalità. PEFC Italia supporta anche il progetto “Back to Campi”, la scommessa della Pro Loco per ritornare alla normalità e far ritornare il turismo (e con esso il lavoro) in questo territorio. Obiettivo del progetto è costruire una struttura polivalente in acciaio e legno, concepita con misure antisismiche, destinata ad attività sportive con attigua area camper, parcheggi, area campeggio e un villaggio bungalow per consentire il soggiorno in sicurezza. Il progetto richiederà un investimento pari a 4 milioni di euro. La scommessa di Leroy Merlin Italia e di PEFC Italia è di aiutare la popolazione a raggiungere questo obiettivo in tempi rapidi, anche attraverso la collaborazione con aziende impegnate sul territorio (tra cui il negozio Leroy Merlin di Bastia Umbra) e il supporto di chiunque voglia collaborare alla rinascita dell’economia e della cultura in queste aree martoriate dal terremoto.

Per approfondimenti:

Scuola di Gualdo: http://www.pefc.it/news-a-media/news/735-terremoto-a-gualdo-mc-la-nuova-scuola-in-legno-certificato

Amate Amatrice: http://www.pefc.it/news-a-media/news/740-amate-amatrice

Centro polivalente di Norcia: http://www.legnolandia.com/home/news-ita/item/1867-a-norcia-il-nuovo-centro-polivalente-antisismico
(con filmato)

Pefc Italia e LMI a favore di Campi di Norcia: https://www.youtube.com/watch?v=90dNjLO2NPo

Foto: Legnolandia

Join the discussion

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *