Un 2017 con molte speranze di miglioramento

Di Giovanni Tribbiani

Il 2017 per il PEFC Italia si è chiuso con luci e ombre: per le certificazioni di catena di custodia, il 2017 ha avuto un +77 di aziende certificate (+8% rispetto al 2016) che segna un sostanziale incremento in numero assoluto delle aziende certificate in Italia. Infatti dopo gli anni di crisi che avevano un po’ rallentato la crescita ora siamo felici di poter dare la notizia che sono più di 1.000 le aziende certificate PEFC in Italia.

COC2017
Il dato della certificazione di Gestione Forestale Sostenibile a livello nazionale invece vede una flessione per il non rinnovo della certificazione del Gruppo della Regione Veneto dopo 15 anni di validità, che ha chiuso la propria esperienza per lasciare che la certificazione PEFC si diffonda autonomamente a livello regionale. E così è stato già ad inizio 2018, quando sono stati certificati 10.413 ettari con il gruppo Foresta Amica gestita da Coldiretti Veneto. Quindi nel 2017 siamo passati da 811.040,02 ettari del 2016 a 745.559,04 ettari , valore che siamo certi tornerà a crescere.
Dato positivo è l’aumento degli ettari di pioppeti certificati che hanno visto 340 nuovi ettari che hanno portato la superficie pioppicola certificata a 4.690,90 ettari.
L’area a maggior certificazione è quella gestita dal Bauernbund – Unione Agricoltori di Bolzano (con 301.066,08 ettari, il 36,7% del totale PEFC italiano), seguita dall’area gestita dal Consorzio dei Comuni Trentini – AR Trentino (con 258.566,72 ettari, il 31,5%), poi dall’area gestita da UNCEM in Friuli Venezia Giulia (con 81.913 ettari, il 10%); a seguire, in ordine decrescente di superficie forestale certificata, le foreste del Piemonte, della Lombardia, della Toscana, Basilicata, e in altre regioni (Liguria, Emilia Romagna e Umbria).

GFS2017

Autore dell'articolo: Redazione

Per contattare la redazione Eco delle Foreste press@pefc.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *