Bosco SERV.E: Il BOSCO in funzione dei SERVizi Ecosistemici e della biodiversità

Condividi

Bosco SERV.E è un progetto biennale di innovazione della filiera forestale dell’Amiata finanziato con i fondi DEFR 2020 della Regione Toscana, nato per volontà del Consorzio Forestale dell’Amiata (Grosseto) che ha avuto inizio a metà del 2021. 

L’attività del progetto, finalizzata ad introdurre innovazione alla gestione forestale attiva, promuove un approccio mirato alla valorizzazione e all’incremento dei Servizi ecosistemici dei boschi amiatini, aumentandone la competitività anche turistica in un mercato sempre più sovrastato da apporti esteri. Il consorzio ci propone quindi, un cambio di prospettiva: la ricerca di una nuova via di tutela del bosco che passa anche attraverso la certificazione dei Servizi Ecosistemici delle funzioni turistico-ricreative e dell’idoneità al benessere forestale PEFC.

Con questo progetto il Consorzio forestale del monte Amiata conferma la sua vocazione al pionierismo verso strade ancora poco battute come già fatto nel 2003 quando per primo in Italia ha acquisito la certificazione di Gestione Forestale Sostenibile (GFS) secondo lo schema PEFC. 

Nel progetto, è stata intrapresa una “sperimentazione pilota nazionale” per ottenere la certificazione dei nuovi standard PEFC (Programme for Endorsement of Forest Certification schemes) Servizi Ecosistemici FUNZIONI TURISTICO RICREATIVE e IDONEITA’ AL BENESSERE FORESTALE di PEFC Italia acquisita poi nel novembre 2022 e di TUTELA della BIODIVERSITA’ tramite lo standard di World Biodiversity Association onlus (WBA)

L’obiettivo più alto di questo progetto è identificare una gestione del bosco a 360°, sostenibile anche dal punto di vista economico, che consentisse anche l’aumento del turismo nelle aree certificate. 

Tramite la certificazione PEFC Servizi Ecosistemici per le Funzioni Turistico Ricreative Il Consorzio Forestale dell’Amiata ha potuto dar visibilità e rilievo alle strutture e infrastrutture turistiche che ha realizzato, che mantiene, gestisce e migliora nel proprio comprensorio boscato, come: aree di sosta attrezzate, punti di ristoro, punti acqua, rifugi escursionistici, sentieristiche per il trekking ed e-bike. 

Mentre grazie alla certificazione dell’idoneità a benessere forestale ha potuto identificare dare visibilità a tre aree di Forest Bathing sull’Amiata Grossetano e due nell’Amiata Senese. Numerosi studi dimostrano i benefici del forest bathing nel promuovere il benessere umano non solo per i suoi impatti positivi sugli stati d’animo ma anche sui sistemi cardiovascolare, immunitario e neuro-endocrino; ma anche apportare notevoli benefici alla salute emotiva, come la riduzione dello stress e dei sintomi depressivi, e migliorare la funzione immunitaria e la qualità del sonno. 

Non meno importanti sono le azioni di carattere divulgativo del progetto, con lo scopo di rilanciare l’economia del settore forestale amiatino, ammodernandolo e rendendolo competitivo negli scenari futuri, tenendo anche conto dei cambiamenti climatici in atto e delle nuove tendenze di fruizione dei boschi; evidenziando come solo con l’apporto d’innovazione si possono superare anche le polemiche legate all’utilizzo dei boschi e alla lor gestione forestale, favorendo le economie locali e riducendo, la sempre maggiore tendenza all’abbandono delle aree montane, a causa della scarsità di reddito”.

Per approfondimenti sul progetto qui

Francesca Dini

Laureata in biotecnologie agrarie ed ambientali, responsabile dell’ufficio Marketing del PEFC Italia.

Francesca Dini

Francesca Dini

Laureata in biotecnologie agrarie ed ambientali, responsabile dell’ufficio Marketing del PEFC Italia.

Ultime notizie