Altercoop

di Martina Valentini

A Bologna, dal 1985, opera Altercoop, una cooperativa nata con lo scopo di creare nuove opportunità di lavoro per le persone svantaggiate. Nonostante la forte crisi del settore, rimane costante e premia la scelta di vendere prodotti certificati PEFC che soddisfano le reali esigenze dei clienti.

Puntare sulle certificazioni, sui prodotti di qualità e sul rispetto di elevati standard etici aiuta gli affari e chi fa affari. Anche se si opera nel delicato settore del reinserimento sociale dei soggetti svantaggiati. In questo senso, una storia bella e positiva arriva da Bologna. Nel capoluogo emiliano opera, da un quarto di secolo, Altercoop, una cooperativa sociale che si occupa di reinserimento lavorativo di persone con problematiche di esclusione sociale. Oggi dà lavoro stabile a 130 persone (100 dipendenti e 30 collaboratori). Numerosi gli ambiti d’attività: servizi di pulizie, attività culturali e d’intrattenimento, lavoro di inserimento dati, servizi di portierato e un nuovo ambito: una piccola torrefazione di caffè biologico ( L’albero del caffè) in cui operano soggetti svantaggiati. Ma soprattutto un core business dedicato al commercio all’ingrosso di carta e prodotti per l’ufficio, che rappresenta l’85% del fatturato dell’azienda. E’ proprio in questo settore che i vertici di Altercoop si sono resi conto che investire su prodotti certificati apre la porta a nuovi clienti e quindi a nuove fette di mercato. L’azienda ha quindi deciso di adottare gli standard necessari per ottenere le certificazioni internazionali ISO 9001 e, ad agosto 2008, ha ottenuto la certificazione per la catena di custodia Pefc grazie alla scelta di utilizzare prodotti provenienti da foreste gestite in modo sostenibile (è stata una delle prime 100 aziende a ottenere la certificazione).

Nuovi mercati, nuovi introiti

«Il nuovo consumatore “critico ed evoluto” si va diffondendo anche in Italia. Avere gli strumenti giusti significa attirare nuovi clienti, consolidare quelli già in “portafoglio” e diffondere l’immagine di un’azienda sinceramente impegnata sul fronte dello sviluppo sostenibile e del rispetto dei diritti umani», spiega Camilla Monteventi, responsabile esterne qualità e marketing di Altercoop. Tra l’altro, al di là delle motivazioni etiche e del rapporto con i singoli clienti, vendere prodotti certificati permette di partecipare alle gare d’appalto bandite dalle Pubbliche amministrazioni. «In Emilia Romagna, ormai tutti i bandi pubblici per la fornitura di carta richiedono prodotti certificati e assegnano punteggi in più ai concorrenti che si sono dotati delle certificazioni come la Pefc». Merito di un approccio che, anche se con molto ritardo rispetto al resto d’Europa, anche nel nostro Paese sta prendendo piede: il Green Public Procurement, «l’approccio con cui le amministrazioni pubbliche inseriscono i criteri ambientali in tutte le fasi d’acquisto di beni e servizi, incoraggiando la diffusione di tecnologie e prodotti validi sotto il profilo ambientale e scegliendo le soluzioni con il minor impatto sull’ecosistema», come lo ha definito ufficialmente la stessa Commissione europea, che da oltre un decennio caldeggia l’adozione di tale pratica da parte di Stati, regioni ed enti locali. Un approccio che permette di dare una mano enorme nella riduzione delle emissioni di CO2. Una filosofia d’acquisto che per Altercoop aveva significato una impennata del 17% nel proprio fatturato negli anni passati (2009-2010) e che gli ha permesso di mantenere costante nel 2011 e 2012 (nonostante la crisi economica, il maggior rigore negli acquisti da parte degli enti pubblici e la maggior attenzione verso le vendite ai clienti privati) un fatturato di 26,5 milioni (20 milioni dei quali provenienti dalla vendita della carta e da 15 prodotti certificati Pefc con la loro intera gamma.
Ultimo aggiornamento 4 Aprile 2013

Redazione

Redazione

Eco delle Foreste è uno spazio d’informazione con articoli, reportage, storie, per tutti coloro che amano le foreste e voglio tenersi informati sul mondo della certificazione forestale. Per contattare la redazione Eco delle Foreste - press@pefc.it

Ultime notizie