Conversione energetica: l’esempio virtuoso di un hotel sul Monte Amiata

Condividi

Il Monte Amiata, la montagna sacra per gli Etruschi, oggi ospita la prima foresta certificata PEFC in Italia (certificazione ottenuta nel 2003 dal Consorzio Forestale dell’Amiata), che ha inoltre recentemente ottenuto anche la certificazione per i suoi servizi ecosistemici del turismo ed idoneità del bosco al benessere forestale. Al suo interno ci sono diverse strutture turistiche e proprio una di queste, l’hotel “Le Macinaie”, lasciandosi ispirare dai valori della certificazione dei boschi che lo circondano ha deciso di intraprendere un percorso di conversione energetica della struttura in modo tale da renderla più autonoma possibile, in un ottica generale di sostenibilità che unisca uomo e foresta. 

Il processo è iniziato nel 2013 con l’istallazione di una caldaia a biomassa. Grazie alla legna proveniente da assortimenti di scarto della lavorazione del bosco ridotti in piccole “chips”, si ricava il combustibile per scaldare l’acqua e per i riscaldamenti di tutta la struttura. 

Altro elemento energetico importante per la struttura è l’impianto fotovoltaico, installato due anni fa. Grazie ad esso vengono prodotti 20 kW che attualmente coprono il 20% del fabbisogno energetico ed in primavera verranno installati altri pannelli che copriranno altri 30 kW, per arrivare ad una copertura del 50%. 

In ultimo è stata installata una colonnina di ricarica per auto elettriche di ultima generazione, in grado di ricaricare anche grandi auto in tempi ragionevoli e c’è in progetto di installarne a breve altre due.
Ragguardevole il fatto che il personale della struttura fa comunicazione e sensibilizza i propri clienti sul valore di visitare ed alloggiare all’interno di una foresta certificata per la sua gestione sostenibile, fornendo anche materiale informativo stampato ovviamente su carta certificata. 

Una struttura in equilibrio con la foresta, che contribuisce alla sua cura e rigenerazione cercando di impattare il meno possibile, puntando costantemente a migliorarsi. Un esempio virtuoso di come la certificazione possa creare valore per il settore forestale, ma anche per le comunità locali, generando opportunità di turismo sostenibile e ispirando il settore turistico ad allinearsi ad uno standard di ottimizzazione energetico/ambientale ormai indispensabile. 

Alessio Mingoli

Laureato in Comunicazione di Massa, collabora con Eco delle Foreste dal 2019.

Alessio Mingoli

Alessio Mingoli

Laureato in Comunicazione di Massa, collabora con Eco delle Foreste dal 2019.

Ultime notizie